Questo listino non comprende le monete coniate a Milano. Per vedere la nostra selezione di monete milanesi cliccare qui.


CAGLIARI


Filippo II (1556 – 1598). 10 reali. D/ PHILIPPVS RE(…) [AE] – Busto coronato a destra. Dietro, C || X; davanti, A. R/ + INIM(…) EIVS (…) IT – Croce ornata, in cornice con trifogli, accantonata da globetti. 22,80 g. Piras 50.

Molto raro. Lievi graffi al diritto, BB/q.BB

Venduto


Filippo IV (1621 – 1665). 10 reali 1641. D/ P(…) RDIN(…) – Busto coronato a destra. Dietro, C || X; davanti, A. Sotto, la data 1641. R/ (…)MICO (…) – Croce ornata, accantonata da globetti. 27,09 g. Piras 74.

Raro. Evidenti tracce di ribattitura su di un 8 reales zecca di Segovia (ensayador P). Migliore di BB

Venduto


Filippo IV (1621 – 1665). 10 reali. D/ (…)PP A(…) – Busto coronato a destra. Dietro, C || X; davanti, A. R/ (…)ON(…) – Croce ornata, accantonata da globetti. 27,79 g. Piras 74.

Raro. Bel ritratto, BB

Venduto


MANTOVA


Ferdinando Gonzaga (1612- 1626). 7 soldi. D/ FERD D G DVX MAN VI [ET] M F IV – Stemma coronato. R/ NON MVTVATA LVCE – Sole raggiante. In esergo, il valore 7. 1,99 g. MIR 613.

q.SPL

120 €


PARMA


Maria Luigia (1814 – 1847). Lira 1815 D/ MARIA LUIGIA PRINC IMP ARCID D’AUSTRIA – Busto a sinistra, diademato e drappeggiato. In basso, melagrana, data 1815 e coppa. R/ PER LA GR DI DIO D PARMA P G – Stemma coronato, su manto. In basso, 1 LIRA NUOVA. 5,00 g Gig. 9 (R).

Rara. Qualche lieve segnetto al diritto, rovescio con lustro intonso. SPL/FDC

650 €


RIMINI


Città autonoma (1265 – 1385). Grosso. D/ + * DE ARIMINO * – Croce. R/ PP S GAV – DECIVS* – Il Santo in piedi, con pastorale. MIR 1335.

SPL

Venduto


ROMA


Giulio II (1503 – 1513). Terzo di giulio. D/ IVLIVS LIGVR II PONT M in tre righe; in basso, fronda di rovere. R/ RO ECCL FVNDATORES – Busti accollati dei Santi Pietro e Paolo, rivolti a sinistra. 1,05 g. Muntoni 40 (considerato inedito, citato un esemplare reperito presso il Kunsthistorische Museum di Vienna); MIR 565/2 (questo esemplare illustrato).

Rarissimo. Lieve tosatura. q.BB

300 €


Gregorio XIII (1572 – 1585). Testone. D/ GREGORIVS XIII (…)N MAX – Busto a destra, a testa nuda, con piviale ornato. Sotto, tre globetti. R/ ET (…)I DABO – CLAVES – Gesù consegna le chiavi a S. Pietro. In esergo, ROMA. In basso a destra, simbolo di zecchiere o incisore non identificato. 8,85 g. Muntoni 27.

Estremamente raro. MB

Venduto

Tutte le monete con questo simbolo di zecchiere o incisore, ancora non identificato, sono note in pochissimi esemplari. Questa varietà di testone fu pubblicata per la prima volta da Francesco Muntoni nella sua opera sulla monetazione papale, illustrando l’esemplare presente nella sua collezione.


VENEZIA


Francesco Erizzo (1631 – 1646). Scudo della croce B B. D/FRANC ERIZZO DVX VEN – Croce fogliata, accantonata da foglie. In esergo, la sigla del massaro B B. R/ SANCTVS MARCVS VENET – Scudo con leone in moleca. In esergo, il valore 140. 31,52 g. Montenegro 1522.

Massaro rarissimo. Bel modulo largo e tondo, patina iridescente, q.SPL

Venduto

Il massaro Bernardo Balbi fu attivo per poco più di un mese, dal 19 gennaio al 25 febbraio del 1636.