Questo listino non comprende le monete coniate a Milano. Per vedere la nostra selezione di monete milanesi cliccare qui.

ANCONA

Città Autonoma (XIII – XIV secolo). Bolognino con cavaliere in legenda. D/ (cavaliere) DE ANCON – Grande lettera A. R/ + PP S QVIRI – Lettere ACVS disposte a croce. CNI 54/71.

Raro. BB/migliore di BB

Venduto

BOLOGNA

Giovanni II Bentivoglio (1494 – 1509). Medaglia. D/ IOANNES BENTIVOLVS II BONONIENSIS – Busto a destra, con berretto. R/ MAXIMILIANI IMPERATORIS MVNVS MCCCCLXXXXIIII. Ravegnani 7 (come Antegnate, prova di testone).

Molto rara. Bella produzione coeva, forata. Migliore di BB

Venduto

CAMERINO

Governo Popolare (1444 – 1445). Picciolo. D/ (fiore) D CAMERENO – Croce fiorata. R/ (fiore) S ANSOVINVS – Volto nimbato del Santo. CNI 62/76.

Raro. Di bella qualità, q.SPL/BB

Venduto

CASALE

Ferdinando Gonzaga (1612 – 1626). Ducatone 1617. D/ FERDIN D G DVX MANT VI [ET] MON FER IIII – Busto a destra, corazzato e con goletta pieghettata. Sotto la spalla, la data 1617. Sotto al petto, la sigla G C dello zecchiere Giovanni Campo. R/ PROTECTOR NOSTER ASPICE – San Giorgio a cavallo, nell’atto di trafiggere il drago. In esergo, CASALE. 31,25 g. Ravegnani Morosini 31.

Molto raro e di inusuale qualità. Migliore di BB

Venduto

FERMO

Città Autonoma (XIII-XIV secolo). Picciolo con stemma. D/ [dal basso] + VB FIRMANA – Stemma della città. R/ + S SAVINVS – Croce ad estremità bifide e con quadrato al centro. CNI tipo 27/37.

Molto raro, interessante varietà con la legenda del diritto che inizia in basso. Migliore di BB

Venduto

FIRENZE

Governo Provvisorio di Toscana (1859 – 1860). Fiorino 1859. D/ GOVERNO DELLA TOSCANA – Leone gradiente a sinistra, con vessillo. R/ QUATTRINI CENTO 1859 FIORINO – Giglio. Mont. 2.

Qualche minuscolo segno di contatto, esemplare di grandissima qualità battuto da conii freschi. FDC

Venduto

LIVORNO

Cosimo III de’ Medici (1670 – 1723). Tollero 1698. D/ COSMVS III D G MAG DVX ETRVRIAE VI – Busto a destr, radiato. In basso, la data 1698. R/ ET PATET ET FAVET – Veduta del porto di Livorno. 27, 00 g. Di Giulio 139.

Raro. Magnifica patina iridescente di vecchia collezione. SPL/migliore di SPL

Venduto

MESOCCO

Gian Giacomo Trivulzio (1487 – 1518). Soldino. D/ + IO IA TRIVL MAR VIGLE – Stemma. R/ + ET FRANCIE MARESCALC – Croce fiorata. CNI 97/106.

Raro. BB

200 €

PIACENZA

Odoardo Farnese (1622 – 1646). Piefort del sesino. D/ ODOA FAR PLA E PAR DVX V – Stemma coronato. R/ SALVS MVNDI – Croce gigliata. 5,84 g. Piefort con i conii del tipo CNI 63.

Della più grande rarità. Debolezze di conio dovute all’alto spessore del tondello, BB

450 €

Questo interessantissimo esemplare venne battuto coi conii del sesino su un tondello di spessore maggiorato. Il peso risulta il doppio di quello dei normali sesini, questi ultimi infatti hanno un peso di quasi 3 g contro i 5,84 g dell’esemplare qui proposto.

SIENA

Cosimo I de’ Medici (1537 – 1574). Testone. D/ COSMVS MED FLOREN ET SANARVM DVX II – Busto a destra, corazzato. R/ SENA VETVS CIVITAS VIRGINIS – La Beata Vergine sulle nubi. Sotto, veduta della città. 8,68 g. MIR 578.

Molto raro. Lieve tosatura, q.BB

640 €

TRIESTE

Arlongo De Visgoni (1260 – 1282). Denaro. D/ ARLONGVS EP – Il Patriarca assiso. R/ + CIVITAS TERGESTVM – Colomba rivolta a destra, con ali spiegate e ramoscello d’ulivo nel becco. 1,04 g. Bernardi 188.

Raro. Consuete debolezze di conio, migliore di BB

290 €

VENEZIA

Agostino Barbarigo (1486 – 1501). Lira. D/ AVG BARBARICO S MARCVS VENET – San Marco ed il Doge. R/ TIBI SOLI GLORIA – Cristo benedicente su base sulla quale è presente la sigla SM del massaro. 6,43 g. Mont. 245.

Magnifico esemplare, ben coniato e con patina di vecchia collezione. FDC

Venduto